Altre risposte delle forze politiche all’appello del CNOP

stampa articolo

19 settembre 2022 – I bisogni psicologici dei cittadini non siano dimenticati, non siano visti come una emergenza transitoria ma siano ben presenti nell’agenda politica degli impegni, delle cose da fare: questo l’appello che a fine agosto il presidente CNOP David Lazzari aveva lanciato a tutte le forze politiche.

Un appello che ha trovato attenzione. Un esame dei programmi consente di evidenziare una diffusa attenzione a queste tematiche. Ma anche con risposte dirette all’appello del CNOP ed impegni espliciti, lo hanno fatto il Partito Democratico e Fratelli d’Italia nei giorni scorsi. Ora è la volta del Movimento 5 stelle, della coalizione “Azione e Italia Viva” e di +Europa.

Ovviamente ogni altra risposta che dovesse pervenire sarà gradita e immediatamente resa nota.

Il Movimento 5 stelle, attraverso la sen. Elisa Pirro capogruppo del mov. nella Commissione Sanità del Senato, evidenzia di condividere l’appello del CNOP “alle forze politiche affinché adottino politiche pubbliche complessive per la promozione della psiche, la prevenzione e il sostegno delle forme di disagio psichico. Condivido la preoccupazione del presidente Lazzari e la sua richiesta affinché l’attenzione sul tema sia alta… la legislatura che si sta chiudendo ha visto compiere alcuni passi in avanti significativi che producono e, ne sono certa, produrranno effetti positivi… la novità importante del ‘bonus psicologo’, sicuramente da rafforzare e ampliare…. ma c’è dell’altro. Nell’ultima Legge di Bilancio ci sono risorse per assunzioni di psicologi, è stato previsto l’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza, individuando un’area specifica dedicata ai disturbi del comportamento alimentare e l’istituzione, presso il Ministero della Salute, del Fondo per il contrasto dei DCA, con una dotazione di 25 milioni in due anni…Nel programma elettorale noi proponiamo l’istituzione dello psicologo delle cure primarie, proprio per affrontare tempestivamente i disagi psicologici al loro manifestarsi. Da parte nostra, lo dicono le misure che abbiamo realizzato e gli impegni seri che assumiamo oggi per il futuro, l’attenzione e la sensibilità verso questo tema siano massime”. La senatrice evidenzia poi l’impegno per la presenza degli psicologi nella scuola.

La coalizione “Azione e Italia Viva”, attraverso la sen. Anna Maria Parente, presidente della Commissione Sanità del Senato in questi anni, scrive “accolgo l’appello del CNOP e mi sento di impegnare la coalizione che rappresento a definire nella prossima legislatura un intervento strutturale di prevenzione e sostegno al disagio psichico…. Il bonus è solo una piccola parte, sia pure di grande rilevanza culturale e sociale, di quello che dovremo fare.”  “La Commissione Sanità del Senato, che mi onoro di aver presieduto in questi anni, stava elaborando normative per lo psicologo di assistenza primaria, di sanità territoriale, di psicologi all’interno delle scuole, ma la caduta repentina del governo Draghi non ha consentito di portare a termine provvedimenti importanti.”    “La sanità di prossimità imperniata sulle Case di Comunità deve includere anche le vostre professionalità che, in team con altri specialisti sanitari, si deve prendere cura del benessere psicofisico della nostra cittadinanza.”

Nella nota si sottolinea come nel programma della colazione sia previsto, tra le altre cose, l’istituzione dello psicologo di base o assistenza primaria e per la prevenzione e assistenza alla popolazione anziana.

“Come presidente della Commissione Sanità ho avuto modo di confrontarmi con lei e con il CNOP in modo continuo e di approfondire le vostre proposte relative non solo alla cura ma alla prevenzione e promozione del benessere psicologico, alla necessità di una rete psicologica pubblica in grado di rispondere a tutti i cittadini, a cominciare dai più giovani e dai più fragili. E’ un obiettivo che abbiamo davanti, gli stanziamenti per la psicologia di questi ultimi anni devono essere un primo passo per un’azione strutturale che serve al Paese. Un dialogo ed un lavoro che dovrà continuare nelle forme possibili.”.

Benedetto Della Vedova, per conto di “+ Europa”, risponde all’appello del CNOP sottolineando che “nel merito, condividiamo largamente l’impostazione complessiva del vostro documento, specie quando individuate nella necessità di contribuire al successo del PNRR la chiave di volta per potenziare il capitale umano e generare maggiore sviluppo sociale ed economico attraverso una sempre maggior resilienza della nostra società. Così come avete ragione nell’affermare che occorre agire preventivamente e prendersi cure della psiche senza aspettare l’insorgere di una patologia. Peraltro, le condizioni eccezionali che viviamo dal 2020 in poi, con l’emergenza coronavirus prima e le conseguenze della guerra in Ucraina poi determinano un crescente disagio in ogni fascia della popolazione e necessitano più che mai quella “rete psicologica” che evocate nelle vostre interessanti riflessioni.”.

La nota si conclude con l’impegno che “all’indomani dell’ormai imminente appuntamento elettorale sarò molto lieto di un contatto personale per esaminare insieme le modalità più idonee di un intervento politico nel senso da voi auspicato”.