ATTUIAMO IL BONUS E I CONSULTORI PSICOLOGICI NEL PUBBLICO

stampa articolo

22 gennaio 2022 – In questi giorni si continua a parlare molto del cd bonus psicologico, ne parlano i media e lo chiedono a gran voce i cittadini, perché il bisogno è diffuso. Quasi 300.000 firme raccolte in pochi giorni costituiscono un grido di aiuto che la politica non può ignorare. In Parlamento sono state depositate delle proposte che apprezziamo perché superano la contrapposizione pubblico-privato che ci sono state e aprono a nuove soluzioni. Rimane il principio della erogazione diretta di fondi ai cittadini per aiutarli ad accedere all’aiuto psicologico e psicoterapico erogato da professionisti qualificati per legge ma si prevedono anche fondi per attivare nelle strutture pubbliche ciò che oggi esiste solo in poche realtà e che invece va reso un servizio per tutti: consultori psicologici nelle strutture sanitarie di prossimità, un indirizzo certo per tutti i cittadini che cercano un ascolto e sostegno psicologico. Rimettiamo alla saggezza della politica la ripartizione delle risorse tra l’intervento privato erogato sulla base dell’ISEE e il finanziamento di Consultori Psicologici pubblici. Non ci appassionano le contrapposizioni pubblico/privato. Siamo però seriamente preoccupati per la crescente sofferenza psicologica dei cittadini.