Counselor: una inchiesta allarmante che conferma le nostre preoccupazioni

stampa articolo

Il CNOP e gli Ordini regionali sono attivamente impegnati in una azione che non è solo di tutela professionale ma è soprattutto di tutela dei cittadini.
Non si tratta di battaglie corporative perché legittimare una figura che può utilizzare tecniche psicologiche (il counseling) per intervenire su problemi di natura psicologica senza essere uno psicologo non garantisce la salute dei cittadini.
Il “disagio psicologico” non può essere “spacchettato” in lieve o serio come ha sostenuto il CNOP in Tribunale ottenendo ragione.
Se la politica e le Istituzioni spingono alla liberalizzazione e a favorire nuovi sbocchi professionali, la recente legge n.3/2018 sancisce che le attività dello psicologo sono “a tutela della salute” (art.32 della Costituzione) e che la professione va tutelata con un significativo aumento delle pene per situazioni di esercizio abusivo. Questa legge, frutto di un coerente impegno della categoria, rafforza le battaglie svolte da anni dal CNOP a difesa della Professione, nell’interesse non solo della categoria ma per salvaguardare l’utenza, spesso vittima della cattiva informazione, perché possa accedere al miglior servizio possibile.
L’inchiesta giornalistica di Luca Bertazzoni (https://video.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/psicologia-e-salute-la-zona-grigia-del-counseling-una-video-inchiesta-denuncia-i-rischi/308962/309596) diffusa da Repubblica e dall’Ordine Lazio mostra quanto siano fondate le nostre preoccupazioni e le azioni politiche e legali intraprese ed in corso.