INCLUDERE GLI PSICOLOGI NEI PROVVEDIMENTI A SOSTEGNO DELLE PROFESSIONI COLPITE DALL’EPIDEMIA

stampa articolo

6 marzo 2020 – Con il D.L. 9/2020, il Governo ha emanato misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori ed imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

In particolare, l’art. 16, dispone alcune misure a favore dei lavoratori autonomi che abbiano sospeso la loro attività all’interno della c.d. zona rossa. Tra tali lavoratori ci sono, indubbiamente, anche appartenenti alla categoria professionale degli Psicologi.

Tuttavia, la norma presenta notevoli criticità; innanzitutto sembra limitare il contributo ad una sospensione dell’attività, senza prendere in considerazione l’ipotesi di una riduzione di essa, ma la criticità maggiore sembra essere l’erogazione del contributo solo a coloro che siano iscritti alla gestione separata dell’Inps. Appare evidente che, se così fosse, la gran parte dei professionisti iscritti all’Enpap non potrebbe beneficiare di tale contributo.

Per tali motivi è in corso una interlocuzione tra CNOP ed ENPAP per concordare un’azione comune nei confronti di Governo e Parlamento e con i presidenti nazionali degli altri Ordini per definire una posizione congiunta.