Lauree abilitanti e professionalizzanti: il Governo e il Parlamento tengano conto delle esigenze della professione psicologica

stampa articolo

28 ottobre – Mentre il Tavolo Tecnico Università presso il CNOP, composto da rappresentanti dell’Ordine e dell’Università, sta lavorando per la presentazione di proposte, il Presidente CNOP Lazzari ha scritto al Ministro dell’Università Manfredi ed ai Presidenti delle Commissioni parlamentari che devono esaminare il Disegno di Legge sulle Lauree abilitanti.

Nelle note si sottolinea come da anni si è posta l’esigenza di un adeguamento degli studi universitari di Psicologia per allinearli e potenziarli in relazione all’evoluzione del mandato sociale e del mercato del lavoro della professione. Esigenza resa ancora più pressante dal definitivo riconoscimento quale “professione della salute” con la legge 3/2018. Si sottolinea come il passaggio a laurea abilitante deve assolutamente costituire l’occasione per attuare questo adeguamento più generale, potenziando gli aspetti professionalizzanti delle lauree psicologiche e le condizioni per concretizzarli.

Il CNOP chiede un incontro con il Ministro e una audizione con le Commissioni parlamentari per illustrare le esigenze sopra esposte e le proposte del Tavolo Tecnico.

“Sono anni che si discute della revisione della formazione universitaria in Psicologia e questa può essere, finalmente, l’occasione per metterci mano” ha sottolineato il Presidente CNOP Lazzari. “E’ necessario, per la professione ma anche per i cittadini ed il Paese, che ci sia una riforma che tenga conto di tutti gli aspetti e non si limiti al solo esame di stato. Il DDL riguarda il percorso di abilitazione post laurea che è diverso da quello “professionalizzante”, che già in base alle norme vigenti, dovrebbe far parte del corso di studi e non essere affidato al solo tirocinio post-laurea. E’ evidente che vanno trovate soluzioni che diano maggiore coerenza e maggiore capacità professionalizzante agli studi di Psicologia”.