Per la salute sui luoghi di lavoro c’è bisogno degli Psicologi

stampa articolo

23 marzo – In Italia in ogni Azienda Sanitaria è presente per legge un servizio che si occupa di salute sui luoghi di lavoro, svolgendo una duplice funzione: tutela e promozione della salute e sicurezza dei lavoratori nelle organizzazioni sanitarie e vigilanza su queste tematiche nei confronti di tutti i contesti lavorativi esistenti (organizzazioni pubbliche e private).

La salute notoriamente è una sintesi di aspetti biologici e psicosociali, inoltre il Decreto Legislativo sulla salute e sicurezza sul lavoro, n.81 del 2008, prevede una specifica attenzione sullo stress lavoro correlato.

Alla luce di quanto sopra è fondamentale che in questi servizi siano presenti Psicologi ed appare incredibile che invece siano assenti. Questo anche alla luce della recentissima legge 4 del 2021 che recepisce la convenzione ILO (Organizzazione Internazionale Lavoro) e prevede il contrasto ad ogni forma di violenza psicologica e morale nei luoghi di lavoro, attivando quindi una specifica attenzione alle politiche di genere.

In relazione a quanto sopra il CNOP ha indirizzato una nota circostanziata tutti i soggetti interessati (Ministro della Salute,  Ministro del Lavoro, Al Presidente e al Gruppo sulla Salute nel Lavoro della Conferenza delle Regioni e a tutti i Presidenti delle Regioni italiane) per chiedere la programmazione di assunzioni di Psicologi in questi servizi.

Leggi la nota