Riconosciuta dal Governo la necessità di assunzioni di psicologi per l’emergenza sanitaria

stampa articolo

Il testo iniziale del decreto legge per le assunzioni straordinarie di personale per il SSN ai fini dell’emergenza sanitaria prevedeva medici ed infermieri e non prevedeva esplicitamente gli psicologi.

Oggi viene pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo definitivo del DECRETO-LEGGE 9 marzo 2020 , n. 14 . “Disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-19.”.

L’art. 1, che prevede la possibilità per le Aziende sanitarie di assumere professionisti sanitari per l’emergenza, fa esplicito riferimento anche alla “professione sanitaria di cui alla legge 56/89”, cioè alla professione di psicologo. Del pari si aumentano le ore di specialistica ambulatoriale.

Il riferimento è esplicito e sottolinea la necessità che sia prevista anche la professione psicologica in questa emergenza.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2020/03/09/62/sg/pdf

In ruolo degli Psicologi sarà diretto all’utenza ma anche allo stress e burnout degli altri operatori sanitari impegnati in prima linea. Così come alle strategie comunicative, ai temi della sicurezza e quanto altro necessario. Collaboriamo allo sforzo comune in questa terribile emergenza.

Viene premiato l’impegno del CNOP in questa direzione e debbo ringraziare il Governo per aver recepito le nostre istanze.

Ora diviene importante seguire la fase applicativa, il CNOP farà la sua parte ma diviene fondamentale la sinergia con il sindacato ed il ruolo degli Ordini territoriali perché l’applicazione viene fatta a livello regionale e di singola azienda sanitaria.

Dal Decreto sono stati purtroppo stralciate le norme relative alle Casse di Previdenza ed Assistenza e per il sostegno dei professionisti colpiti, che saranno – a quanto sembra – oggetto di specifico provvedimento. Il CNOP seguirà questo aspetto fondamentale in collaborazione con l’ENPAP per quanto di competenza.

David Lazzari – Presidente CNOP